Terumà

PARASHAT TERUMA

UNA MONETA DI FUOCO

 

Siamo ora all'inizio del mese di Adar. Proprio in questo periodo dell'anno, i banditori solevano invitare (al tempo del Beth ha-Mikdash - il Sacro Tempio) a pagare la tassa di mezzo siclo che era dovuta da ogni ebreo adulto, in conformita' dell'ordine dato da D-o a Mose' di provvedere che ogni Israelita desse una moneta di mezzo siclo in favore del Santuario nel deserto, come espiazione per le proprie anime .

 

* * *

 

A Mose' questo comando del Signore parve incomprensibile. Egli si chiese: Come mai poteva un uomo redimersi ed espiare le sue colpe dando solo mezzo siclo? In verita', Mose' aveva gia' ricevuto altri ordini riguardanti vari sacrifici ed offerte per l'espiazione dei peccati; e mai aveva manifestato la sua sorpresa per il fatto che una persona potesse espiare le sue colpe adempiendo ai precetti che prescrivessero qualche azione pratica. Perche', allora, questo precetto desto' in lui meraviglia?

La spiegazione e' la seguente: Machzit ha-Shequel (mezzo siclo) veniva dato dagli ebrei per espiare la colpa d'idolatria commessa adorando il Vitello D'Oro. Le Mitzvot sono paragonate agli organi del corpo. Alcuni di essi hanno una funzione specifica , mentre altri ne hanno una generale : e quest'ultimo e' il caso del cervello e del cuore, da cui si irradia vita a tutto il corpo. Parimenti, alcune Mitzvot sono specifiche , mentre altre, come la proibizione dell'idolatria ( Non avrai altri dei al mio cospetto ) sono talmente vitali, che compendiano in se stesse la vera unita' di D-o e del Suo Popolo. Percio' Mose' chiese con stupore: Come mai era possibile espiare con mezzo siclo una colpa cosi' grave come l'idolatria? Come si poteva ammettere che con una moneta d'argento l'ebreo redimesse la propria anima , l'essenza piu' profonda della propria ebraicita', che egli aveva contaminato con l'adorazione del Vitello d'Oro?

Poiche' Mose' si dimostrava cosi' sorpreso, D-o gli mostro' una moneta di fuoco della forma di mezzo siclo, e egli disse: E' una moneta cosi', che essi dovranno dare . Il senso di questa risposta ci apparira' chiaro se ricordiamo la parabola che ci racconta dell'apprendista orafo appena venuto dalla campagna, il quale imparava dal suo maestro a fondere e modellare l'oro. Alcuni anni dopo, installatosi nella sua propria officina, egli fece ogni possibile sforzo per modellare l'oro a propria volonta', senza pero' riuscirci: l'oro rimaneva sempre la stessa massa informe. Il suo maestro aveva dimenticato di dirgli di accendere la fornace, tanto la cosa gli era sembrava ovvia!

 

* * *

 

Questo fu il senso della risposta che D-o diede a Mose' dicendogli che gli ebrei dovevano dare Proprio una moneta cosi' (cioe' di fuoco). Il dare semplicemente una moneta non avrebbe infatti potuto redimere da una colpa come l'idolatria; ma quando la moneta viene data con calore e l'entusiasmo che sgorgano dell'intimo ardore di un cuore ebreo, allora dare un mezzo siclo puo' veramente essere la redenzione e l'espiazione, persino per (le colpe che intaccano) la vera essenza dell'anima ebraica.

 

NOTE

Questo saggio e' basato sui Liqqutei Sichot, Vol. III, p. 923-925


BETH SHLOMO - SINAGOGA DEL CENTRO - Cod. Fiscale: 97145630154